Da oggi TopView Srl avvia una stretta collaborazione con D-Flight che sarà incentrata sullo sviluppo di nuovi servizi U-space.

Di seguito riportiamo il testo del comunicato congiunto:

***

Roma, 24 aprile 2020

D-Flight, la società del gruppo ENAV, responsabile dell’erogazione dei servizi per i droni e TopView Srl, società di engineering operante nel settore Aerospazio e ICT che fornisce servizi in ambito U-Space, hanno firmato una partnership finalizzata all’integrazione del simulatore “NARROW PATH” tra i servizi offerti dal portale D-Flight.

 

Il servizio offerto dal nuovo applicativo consentirà di avere una previsione sulle condizioni di volo già in fase strategica con informazioni aggiornate e dinamiche sia sulle condizioni dello spazio aereo interessato dalla missione che sulle eventuali condizioni al suolo al fine di minimizzare il rischio a terra verso terzi.

Il simulatore consentirà, infatti, di erogare servizi specializzati per valutare e monitorare, in fase di pianificazione ed in fase tattica, il Total System Error ed il Flight Technical Error per diverse tipologie di droni. In particolare, il servizio, alimentato dai dati D-Flight, sarà in grado di stimare il livello di protezione orizzontale e verticale di un drone in volo, proiettando su una mappa il buffer di protezione in maniera dinamica. Tale funzionalità risulterà utile per gli operatori in tutte le fasi di volo, intercettando eventuali variazioni tra il volo pianificato e quello reale.

 

 

NARROW PATH avrà inoltre la possibilità di essere arricchito con funzionalità innovative durante la roadmap di sviluppo, come quella relativa alla stima della densità di popolazione a terra presente in un’area geografica di interesse. Tale funzionalità sarà utile in fase di pianificazione del volo sul portale D-Flight e avrà un ruolo centrale anche in fase tattica poiché in grado di generare eventuali warning durante il volo, qualora la densità della popolazione subisca forti incrementi nelle vicinanze della traiettoria e della posizione del drone. Per di più, la disponibilità di ulteriori servizi D-Flight, come quelli relativi alla georeferenziazione di ostacoli e strutture a bassa quota, potrebbe ulteriormente arricchire il servizio NARROW PATH, fornendo un ulteriore valore aggiunto agli utenti finali.
La combinazione dei dati di tracking generati da droni (equipaggiati di drone box) e quelli prelevati dai servizi meteorologici permetterà di erogare il servizio anche in tempo reale, elemento essenziale al quale punta la partnership tra D-Flight e TopView.

Cristiano Baldoni, CEO di D-Flight S.p.A, ha affermato:

“L’integrazione della piattaforma NARROW PATH nei servizi offerti da D-Flight rientra appieno tra gli obiettivi di fornire servizi ad elevato valore aggiunto agli utenti, garantendo una maggior automazione dei processi di analisi del rischio per le operazioni e semplificando le procedure sulla piattaforma. Siamo convinti che il lavoro da fare sia ancora molto ma siamo sicuri di aver intrapreso la strada giusta per rendere D-Flight una piattaforma facile ed intuitiva ma al contempo in grado di garantire la sicurezza delle operazioni.”

Salvatore Mennella, CEO di TopView Srl, ha affermato:

“Siamo soddisfatti di annunciare la nuova partnership con D-Flight, che ci consentirà di contribuire all’implementazione dei servizi di Unmanned Traffic Management. L’attività di ricerca in ambito U-Space, nella quale siamo coinvolti da alcuni anni, ha fatto emergere delle interessanti considerazioni sulla navigazione dei droni a bassa quota, sviluppate nello studio Narrow Path. Grazie all’esperienza come operatori UAS ed ai risultati sperimentali ottenuti, confidiamo che il servizio NARROW PATH consentirà ai piloti di aumentare l’efficienza e la safety delle operazioni di volo.”


Il servizio Narrow Path nasce sulla base dei risultati raggiunti nel progetto di ricerca Narrow Path  co-finanziato dai Fondi FESR della Regione Campania. Tali risultati sono stati possibili anche grazie agli strumenti ideati da EuroUSC Italia per l’analisi del rischio con metodologia SORA e alla loro competenza nella regolamentazione di riferimento.